FLOS e Opening Velasca


Torre Velasca and Flos

FLOS e Opening Velasca

FLOS e Opening Velasca, sponsorizzazione tecnica di un grande progetto di riqualificazione degli spazi di Torre Velasca, voluto dal Gruppo Unipol per valorizzare uno dei luoghi più simbolici della città di Milano. Il grattacielo, costruito nel 1958 dallo Studio B.B.P.R., sarà oggetto di un’importante opera di rilancio che unirà storicità e innovazione. FLOS, con altre aziende italiane d’eccellenza del design, è stata scelta da Piero Lissoni per illuminare le diverse aree interessate dal restauro. Innanzitutto la piazza della torre, che per l’intero periodo di Expo sarà restituita alla fruizione pubblica trasformandosi in un “luogo non luogo” tra architettura e design, in cui il visitatore potrà sostare e condividere lo spazio aperto. Per l’illuminazione di quest’area perimetrale all’edificio, FLOS ha utilizzato May Day di Konstantin Gric, per una perfetta integrazione con l’estetica industriale dell’impalcatura. Ma Opening Velasca coinvolge anche l’interno: nella Torre è stato infatti aperto un nuovo spazio espositivo allestito da Piero Lissoni, e dedicato a mostre, conferenze, incontri sui temi dell’architettura e del design. Qui Flos ha messo a disposizione il nuovo Running Magnet, formato da rivoluzionari binari calamitati. Questi sono accompagnati dall’iconica lampada da terra Luminator, disegnata da Achille e Pier Giacomo Castiglioni nel 1954, per donare una luce d’atmosfera emozionale con un riferimento al design milanese dell’epoca. Completa Opening Velasca l’allestimento del piano attico della Torre per il quale Flos ha scelto alcune delle icone più riconosciute dei grandi maestri Achille e Pier Giacomo Castiglioni: Arco, Taccia, Toio (1962), Gatto (1960), Noce (1972); a queste sono state accostati le lampade IC Lights di Michael Anastassiades (2014), dal sapore vintage e contemporaneo al tempo stesso.

Precedente La grande luce nell’opera lirica
Prossimo Illuminati i Fori Imperiali