Made in Italy a Istanbul


Emirgan Sutis, Istanbul

Entrando dai due ingressi principali del ristorante Emirgan Sutis a Caglayan (Istanbul), progettato da Tepta Lighting – Burak Inse e dall’arch. Bilgehan Senel, gli ospiti sono accolti dalla luce morbida e indiretta delle sospensioni Macchina della Luce, dischi diffusori rivestiti in foglia color oro realizzati con la manualità artigianale che distingue da sempre il lavoro della azienda italiana  Catellani & Smith.

La luminosità dorata della finitura traspare anche attraverso il grande soffitto di vetro della struttura, creando un effetto affascinante. Altrettanto vale per la vista dall’esterno, perché l’Emirgan Sutis è avvolto per molta parte del suo perimetro da ampie vetrate incardinate da montanti in ferro brunito che proseguono nella struttura dell’ampio soffitto “aperto” in pannelli di vetro, sotto il quale si intrecciano travi e profilati traforati, creando un ambiente sì di contemporaneità ma anche di luogo il cui tempo quasi magicamente si è fermato ai primi decenni del secolo scorso. Nel locale anche lampade Stchu-Moon a parete dall’insolita forma a mezzaluna.

Lampade a sospensione, della linea Stchu-Moon, con diametro di 80 cm e finitura nero e oro, sono state installate nella zona del panificio. Le sorgenti luminose sono nascoste da veri cucchiai posizionati all’interno della cupola, piccolo dettaglio ironico che crea una piacevole armonia con l’ambiente e che  in breve tempo  ha contribuito a far diventare queste sospensioni un’icona del ristorante. Illuminano un grande banco di esposizione dai forti contrasti, di colore ebano, mentre ai lati  sono collocate due grandi  madie a vista di legno, che formano una scacchiera di piccole vetrine con le più svariate forme di pane illuminate da una luce calda.

Una serie di sospensioni Malagola sono, infine, appese al controsoffitto nella zona dei banconi di servizio dal colore caldo del legno, con l’alternarsi di colonne nere tra una zona e l’altra che contribuiscono con la loro forma ellittica ad arricchire l’atmosfera di un ambiente dorato e caldo su cui è stato sviluppato l’insieme dell’arredamento del ristorante, con tavoli e sedie di legno scuro dal disegno coloniale, ma anche tavoli rotondi di prezioso marmo nero, che creano un forte ed elegante contrasto con il bianco del pavimento con losanghe e intarsi di marmo nero.

Il ristorante Emirgan Sutis  ricorda nel suo sfarzo il fascino misterioso e magico di  un’accoglienza di un’antica nobiltà di cui Istanbul con le sue architetture è da secoli testimonianza. Il progetto per l’illuminazione richiedeva non solo lampade in grado di rendere accogliente un grande spazio, ma al tempo stesso di offrire un’illuminazione ideale per gli ospiti. Il nero e le finiture del colore dell’oro dei  diversi modelli delle lampade del grande artigiano Catellani, uniti al legno, al ferro, alle grandi vetrate, hanno creato un effetto di grande eleganza e conforto dal taglio mitteleuropeo.

 

[cml_media_alt id='2612']Emirgan Sutis[/cml_media_alt]

 

Precedente Progettare la luce
Prossimo Francesca Storaro al Teatro Argentina, Roma