A Coblenza, Germania, l’illuminazione pubblica è protagonista


Coblenza, Germania

Il parere di Hélène Kralik di Cariboni Goup

 Cariboni Group vola in Germania partner di Energy-Efficient Street Lighting Roadshow, progetto che s’inserisce nella  campagna per l’efficientamento energetico patrocinata dal ministero federale tedesco dell’Economia e Tecnologia, dall’Agenzia per l’Energia,  e organizzato in collaborazione con le principali associazioni comunali, tra cui  Deutscher Städtetag, Deutscher Städte-und Gemeindebund, Deutscher Landkreistag  (associazioni delle città, dei comuni tedeschi e dei länder tedeschi), e KfW Group.

L’evento si è tenuto alcuni giorni fa a Coblenza. LUCE ha chiesto alla grande azienda italiana un parere su queste giornate cui erano presenti relatori d’istituti di ricerca, produttori, società di consulenza, aziende energetiche, invitati tutti a esprimere pareri e fornire informazioni su aspetti chiave dell’illuminazione stradale ad alta efficienza energetica: dall’elenco delle recenti tecnologie d’illuminazione agli aspetti economici e giuridici (finanziamento, promozione, assegnazione) a casi pratici di modernizzazione di illuminazione pubblica.  Incontri e pareri utili dunque per fornire e anticipare da parte dei partner di Energy-Efficient Street Lighting Roadshow, una panoramica approfondita su uno dei temi più importanti nei prossimi decenni, particolarmente sentito nella vecchia e moderna Europa e di presentare i propri progetti, la propria tecnologia e le loro realizzazioni.

Hélène Kralik, Export Manager di Cariboni Group, da noi cortesemente interpellata, ci ha detto: “Con i nostri pluriennali collaboratori dell’agenzia commerciale tedesca, abbiamo avuto l’opportunità di partecipare alla seconda delle cinque giornate a Coblenza dedicate all’efficienza energetica applicata all’illuminazione stradale, e di confrontarsi e illustrare alcune storie di successo del Gruppo come la riqualificazione di vie e quartieri di Berlino, e di installazioni eseguite presso le filiali del gruppo Bosch. Dunque occasione di parlare di prodotti dedicati che permettono soluzioni adatte all’illuminazione di grandi arterie periferiche così come di piccoli centri storici.”. E ha sottolineato: “In Europa gli apparecchi dotati di tecnologia LED rappresentano una quota inferiore a 10% del mercato totale. Sensibilizzazione, trasparenza e informazione agli stakeholders sono elementi essenziali per incentivare quest’evoluzione… ed è solo l’inizio… la Smart City incuriosisce, la Smart City diventa sempre più reale”.

Incontri come questi a Coblenza – presenti le principali associazioni che si occupano con storica e accorta attenzione del territorio e del suo sviluppo “ambientale”, nel senso più ampio della parola – contribuiscono positivamente a portare in evidenza non solo a un pubblico di addetti ai lavori il tema dell’illuminazione pubblica delle nostre città, – e di quelle europe, in questo evento in Germania –  ma anche all’attenzione, come ci ha spiegato Hélène Kralik, di un pubblico più ampio che delle nuove tecnologie vuole cogliere il valore aggiunto (o, i benefici) per la propria comunità, sia in termini di risparmio energetico sia in termini di nuovi servizi.  E questo oggi, non un domani lontano.

Precedente Florencia Costa illumina la facciata della Basilica di Sant’Agostino a Roma
Prossimo Conclusa la prima edizione di Innovation for Change: i vincitori