Un brano di firmamento illumina le notti di Dresda


Fil de Fer, Catellani & Smith

A Dresda, a due passi dallo Zwinger, noto complesso architettonico considerato una delle maggiori espressioni dell’architettura barocca tedesca, 23 Fil de Fer di Catellani & Smith illuminano dal 2013 le notti dell’area lounge esterna del Dresden am Zwinger Hotel.

Con un diametro che arriva fino ai 2 metri, sospese talvolta in asse, talaltra in curiose costellazioni, le Fil de Fer riproducono un brano di firmamento, garantendo un’esperienza raffinata e rilassante agli ospiti, contribuendo ad immergerli in un’atmosfera ‘cosy’ e privata, protetta da lussureggianti schermi di bambù. La loro struttura di ferro intrecciato dialoga perfettamente con la trama delle sedute, mentre la loro forma è sottilmente ripresa dai vasi di cespugli di bosso che si alternano ai pilastri del porticato che ospita il lounge. La lucentezza del ferro si contrappone ai materiali lignei e alle tonalità calde degli arredi, creando una complementarità cromatica che ben si addice ad un una catena alberghiera, la Motel One, che fa del design il suo cavallo di battaglia.

[one_half]

[cml_media_alt id='2775']Fil de Fer MotelOne, Dresden photo by Nava-Rapacchietta[/cml_media_alt]
Fil de Fer
MotelOne, Dresden photo by Nava-Rapacchietta
[/one_half]

[one_half_last]

[cml_media_alt id='2774']Fil de Fer MotelOne, Dresden photo by Nava-Rapacchietta[/cml_media_alt]
Fil de Fer
MotelOne, Dresden photo by Nava-Rapacchietta
[/one_half_last]

La serie Fil de Fer nasce nel 2002, dalla richiesta per una lampada che fosse al contempo di grandi dimensioni e aerea per il Museo della Cartografia di Stato – Fontana di Trevi a Roma. Alla ricerca di un materiale leggero e plasmabile in grado di garantire una struttura adatta a contenere tanti punti luminosi, Enzo Catellani sperimentò subito con la malleabilità del filo di ferro. La prima forma che ne uscì fu un’enorme sfera, forma primordiale e organica che richiama l’universo e la natura. La lampada finale del museo fu tutta un’altra cosa, ma restò il prototipo che venne poi sviluppato e declinato in varie dimensioni diventando una lampada che conferma quelle qualità proprie del design e dell’artigianalità italiani.

Precedente Luce Sartoriale
Prossimo iGuzzini adotta la Cappella degli Scrovegni