Atelier à parfums


Locherber

Le fragranze di Locherber a Milano

di Stella Ferrari
foto di Francesco Mion

 

Una bottega vecchio stile con insegna metallica, porta di vetro e due piccole nicchie espositive laterali nel pieno centro di Milano, è stata scelta da Locherber per esporre e vendere la propria linea di profumi.  Si tratta di un negozio dalle dimensioni ridotte (solo 35 metri quadrati), ma che è in grado di stupire attraverso una scanzonata rivisitazione dell’interior di una “classica” profumeria, operata dall’architetto Andrea Castrignano per il primo punto vendita a Milano dell’azienda svizzera di cosmesi.

L’ambiente potrebbe essere sicuramente definito d’antan, ma i toni scelti – come i colori prugna e glicine del soffitto e dei mobili – e le finiture raccontano di una reinterpretazione dello spazio in chiave contemporanea. Un raffinato parquet unisce le due zone della boutique, quella dedicata all’esposizione dei prodotti e quella concepita per assaporare le essenze alla ricerca di quella perfetta, definita olfattorio. Nulla è stato lasciato al caso nella creazione di questo punto vendita, in grado di attrarre immediatamente l’attenzione dei passanti per via dei suoi toni accesi, ma accogliente e caldo come un salotto domestico.

L’aspetto del lighting è stato progettato con cura all’interno dello studio di Andrea Castrignano: “per la progettazione dello schema illuminotecnico ci siamo lasciati ispirare dal mood e dall’atmosfera che volevamo ricreare all’interno dell’ambiente, ma anche da altri importanti punti fermi: l’efficienza e la praticità, l’estetica e il design, la necessità di ottenere alte prestazioni a livello energetico. Per le zone espositive abbiamo scelto luci soffuse e calde, mai un’illuminazione diretta. Ci siamo soffermati sia su una corretta illuminazione degli spazi, sia un’adeguata valorizzazione dei prodotti. Per questo motivo abbiamo preferito la retroilluminazione degli schienali e del top dei mobili, contraddistinta da un affascinante onice bianco…

 

Leggi l’articolo completo su LUCE digitale

Precedente PAUL BEALE: "LASCIAMO LAVORARE LA LUCE"
Prossimo JON MORRIS. COSTRUIRE IL SUBLIME